I Bastardi di de Giovanni dalla RAI a Roccapiemonte

A volte c’è bisogno di un avversario agguerrito, per riuscire a capire chi sei davvero.
Forse i Bastardi l’hanno trovato. E per dimostrare di essere i migliori sono disposti a tutto.
Perfino a diventare davvero una squadra.
Buona caccia, Bastardi.

Maurizio de Giovanni - Foto di Gerardo D'Elia

Maurizio de Giovanni – Foto di Gerardo D’Elia

Le Associazioni culturali Fedora e Rosa Aliberti e il Punto Einaudi di Nocera Inferiore ancora insieme per un grande eventoSabato 18 febbraio, alle 18.00, a Palazzo Marciani (fraz. Casali), tornerà Maurizio de Giovanni per presentare il suo nuovo romanzo della serie appena trasmessa da RAI 1, “Pane per i Bastardi di Pizzofalcone” (Einaudi, 2016). L’incontro sarà moderato da Luca Badiali, presentatore ufficiale Einaudi.

«Torna lo scrittore che tutti amiamo, con la sua scrittura potente e chiara, nella quale il rigore stilistico si coniuga alla grande attenzione alla realtà – dichiara soddisfatto Gaetano Fimiani -. Torna lo scrittore che a Roccapiemonte ha presentato, dal 2013 e sempre con grande successo di pubblico, tutta la serie de I Bastardi di Pizzofalcone, ora consacrata dal successo televisivo con lo sceneggiato su Rai Uno. Torna lo scrittore che consideriamo un grande amico. Torna Maurizio de Giovanni!»

Il libro
COP_De_Giovanni_Maurizio_Pane.indd– Buona caccia, Bastardi.
Aragona si illuminò.
– Buona caccia, Bastardi. Mado’, quanto mi piace.
Quanta vita, quante vite. E quanto buon odore di pane, in città. Se non ci fosse anche il delitto.
Quando un omicidio divide in due le forze di polizia, il gioco si fa davvero duro per i Bastardi, che per molti devono ancora dimostrare di esserlo davvero, dei bravi poliziotti.
Da un lato ci sono loro, che seguono l’odore del pane.
E del delitto.
Ma dall’altra ci sono i tosti superdetective della Dda, che sentono odore di crimine organizzato.
Mentre i sentimenti e le passioni di ogni personaggio si intrecciano con l’azione e determinano svolte sorprendenti, la città intera sembra trattenere il fiato.
Per poi prendere voce.
A volte c’è bisogno di un avversario agguerrito, per riuscire a capire chi sei davvero.
Forse i Bastardi l’hanno trovato.
E per dimostrare di essere i migliori sono disposti a tutto.
Perfino a diventare davvero una squadra.
Buona caccia, Bastardi.

L’autore
MAURIZIO DE GIOVANNI (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con il personaggio del commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta, su cui è incentrato un ciclo di romanzi (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero) che comprende finora Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro e Serenata senza nome.
Dopo Il metodo del Coccodrillo (Mondadori 2012; Einaudi Stile Libero 2016; Premio Scerbanenco), con I Bastardi di Pizzofalcone (2013) ha inaugurato una nuova serie contemporanea (sempre pubblicata da Einaudi Stile Libero), proseguita, al momento, con Buio, Gelo e Cuccioli, che vede protagonista la squadra investigativa di un commissariato partenopeo. Ha partecipato, con Giancarlo De Cataldo, Diego De Silva e Carlo Lucarelli, all’antologia Giochi criminali (2014). Nel 2015 è uscito per Rizzoli il romanzo Il resto della settimana.
Tutti i libri di Maurizio de Giovanni sono tradotti o in corso di traduzione in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Russia, Danimarca, Stati Uniti e in molti altri paesi.
Molto legato alla squadra di calcio della sua città, di cui è visceralmente tifoso, Maurizio de Giovanni è anche autore di opere teatrali.
Dai libri dei Bastardi di Pizzofalcone è tratta la serie-evento televisiva per Rai 1 in onda a gennaio 2017, con Alessandro Gassman.

L’incontro di sabato 18 febbraio a Palazzo Marciani di Roccapiemonte, sito in via Calvanese (fraz. Casali), è sostenuto da: Grafica Metelliana, Areablu Edizioni, Oneprint, A.S.D. CicloRun ed Osteria Donna Sofì.

Per info e contatti
Associazione Fedora: www.associazionefedora.itfedoraonlus@libero.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

unisciti agli altri: