Antonella Ossorio, Gaetano Fimiani, Fedora. Dalla parte del romanzo

FedoraDodicesimo appuntamento con la cultura a Roccapiemonte, evento promosso dalle associazioni Fedora e Rosa Aliberti. Ad accogliere la scrittrice napoletana Antonella Ossorio, sabato 22 Novembre , presso il Palazzo Marciani a Casali c’era un numeroso e straordinario pubblico e a presentare il suo romanzo “La mammana”, edito da Einaudi, Gaetano Fimiani.

Il Presidente di Fedora ha ringraziato innanzitutto tutti i sostenitori delle due associazioni che hanno trasformato in realtà concreta e tangibile un sogno: quella di formare una comunità di lettori capace di costruire un nuovo concetto di cittadinanza consapevole  e  di far apprezzare il senso vero della libertà.

Serata splendida per il senso di autenticità e anche di commozione che si è percepito nell’aria fin dall’inizio  nelle parole di Gaetano Fimiani che, con giustificatissimo orgoglio, ha ripercorso questo anno di appuntamenti letterari e ha  sapientemente stimolato la discussione. La scrittrice ha analizzato il suo romanzo e i suoi personaggi con un’affabilità e una pacatezza garbata che ha conquistato tutti.

Antonella Ossorio fa parte di quella bella schiera di moderni scrittori napoletani, come Marsullo e de Giovanni, che, come ha opportunamente osservato il dott. Mario Pagano, intervenuto nella discussione, ci fanno sentire il senso della profonda meridionalità e,”attraverso la loro scrittura e grazie al loro successo passa il riscatto della nostra gente, facendoci rivivere un Rinascimento napoletano”.

Nel romanzo “La mammana”, in  una Napoli emotiva, che la scrittrice ama profondamente, una Napoli piena di vicoli rumorosi, odorosi dei tumulti pre-unitari del 1848,  si svolge una complessa vicenda che vede intrecciarsi la vita di due donne, Lucina, la levatrice del paese e Stella, la bimba albina che la donna aiuta a venire alla luce e che, rifiutata dalla madre, porterà con sé, costituendo una nuova famiglia. Non un romanzo storico, come ha precisato Antonella Ossorio, ma di ambientazione storica che affronta problemi attualissimi e scottanti come l’accettazione della diversità, il senso della famiglia, anche fuori da ogni convenzione sociale , e anche i legami di affetto e di amore incondizionato.

Romanzo “scrigno” è stato definito “ La mammana”, storia di amore e di maternità che era nato dall’idea di  presentare una storia vera, quella di Carolina Cracami, una bambina nata nel 1815, detta “la nana siciliana”, portata su tutti i palchi d’Europa come un fenomeno da baraccone. Poi, però, ha affermato la scrittrice, al posto di un personaggio che doveva essere una  tata anziana della bambina, si è presentata Lucina, La mammana, nella sua prorompente bellezza e “ quando i personaggi irrompono, sfuggono di mano, bisogna lasciarli vivere”. Il risultato è un libro bellissimo, straordinario, come è stato ribadito da Gaetano Fimiani, e gli spettatori presenti ne hanno percepito la bellezza anche attraverso la lettura sapiente e la voce calda e professionale dell’attrice Cleo Lamberti che ha sapientemente scelto e interpretato alcuni brani.

Antonella Ossorio, che è nata come scrittrice di libri di favole e fiabe per bambini, ci ha conquistato non solo come scrittrice esperta, seria, che sa creare ambientazioni  accurate, ricche di fascino e di realismo magico e personaggi splendidi, ma anche (direi in maniera empatica) come donna vera, sensibile . E ci è piaciuta soprattutto quando ha affermato: “ Io quando scrivo mi faccio da parte, lascio parlare i miei personaggi … Sono convinta che si può parlare di tutto, anche di problemi scottanti, io preferisco farlo in maniera lieve”.

Grazie a Gaetano Fimiani e a Mario Pagano e ai sostenitori di Fedora e Rosa Aliberti per aver organizzato e realizzato questo splendido evento e  un arrivederci al prossimo appuntamento: Domenica 7 Dicembre  con la scrittrice Simona Sparaco che presenterà il suo romanzo “ Se chiudo gli occhi”.

Maria Giovanna Pagano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *