Gelo a Roccapiemonte

Attesissimo, finalmente è arrivato a Palazzo Marciani di Roccapiemonte “Gelo” di Maurizio de Giovanni il terzo noir dei Bastardi di Pizzofalcone e l’accoglienza è stata delle più calorose. Proprio a voler contrastare l’atmosfera glaciale del romanzo di de Giovanni che punta l’attenzione sul gelo dei sentimenti e dei rapporti familiari, il pubblico numerosissimo che ha affollato la sala ha riservato allo scrittore napoletano un bentornato coi fiocchi.

10409503_608806662559349_2925465269294993591_nLa presentazione-evento organizzata da “Fedora” e “Rosa Aliberti” ha confermato ancora una volta il grande impegno di promozione alla lettura di entrambe le associazioni, ma soprattutto ha ribadito quanto Roccapiemonte, con i suoi tanti lettori sia diventata una piccola capitale della culturale nazionale. A rompere il ghiaccio, Luca Badiali, presentatore ufficiale Einaudi,  che con verve e professionalità  ha “interrogato” de Giovanni centrando i punti nevralgici della trama narrativa del noir già in vetta alle classifiche di vendita. La voce calda di Brunella Caputo, regista e attrice teatrale, ha interpretato i brani scelti ad hoc per l’occasione ed ha letteralmente rapito il pubblico. Chicca dell’evento: il trio inedito Caputo-Badiali-de Giovanni che si è esibito nella lettura a tre voci del capitolo “andiamo a casa”. E finalmente anche io sono andata a Roccapiemonte e posso definirmi testimone oculare di una serata che ha fatto sentire i brividi, non quelli di freddo, ma quelli dell’emozione.

Cristina Marra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *