Fedora presenta Matteo Nucci- Profilo d’autore

Apri la locandina

APRI

Matteo Nucci, classe 1970, è scrittore e saggista. Esperto di pensiero antico, ha pubblicato saggi su Empedocle, Socrate e, in particolare, Platone, di cui ha curato una riedizione del Simposio. Con il suo esordio letterario Sono comuni le cose degli amici (Ponte alle Grazie, 2010) è stato finalista al premio Strega. Successivamente sono usciti Il toro non sbaglia mai (Ponte alle Grazie, 2011) e Le lacrime degli eroi (Einaudi, 2013). Con il romanzo È giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie, 2017) è di nuovo finalista al Premio Strega e vince il Premio Roma sezione Narrativa italiana.

I suoi reportage su viaggi e cultura del Mediterraneo compaiono regolarmente su Il venerdìla Repubblica e l’Espresso.

Collabora anche con riviste come Nuovi Argomenti e minima&moralia. Negli ultimi anni ha pubblicato L’abisso di Eros. Seduzione (Ponte alle Grazie, 2018) Achille e Odisseo. La Ferocia e l’inganno (Einaudi, 2020) e il romanzo Sono difficili le cose belle (Harper Collins, 2022). Sarà ospite di Fedora sabato 2 marzo 2024 alle ore 17:30 presso Palazzo Marciani di Roccapiemonte per presentare il suo ultimo libro, Il grido di Pan (Einaudi, 2023). L’incontro vedrà la partecipazione degli studenti dei Licei Tito Lucrezio Caro di Sarno, Galdi- De Filippis di Cava de’ Tirreni, Bonaventura Rescigno di Roccapiemonte.

L’evento è inserito nella rassegna di eventi culturali promossa dal Comune di Roccapiemonte nell’ambito del Patto per la Lettura.

immagini

articoli correlati

Beatrice Salvioni – La malnata

Carissimi amici di Fedora, L’ultimo incontro del 2023, insieme al profumo del Natale, ci regala un evento davvero unico, che vi invito fin d’ora a […]

Gianni Solla – Il ladro di quaderni

Carissimi amici e soci di Fedora,in epigrafe il motivo che accompagnerà gli incontri di quest’anno 2023/24. Un manifesto, una testimonianza di coraggio, una richiesta di […]

Maurizio De Giovanni – il ritorno di un amico e di un grande scrittore

Carissimi amici e soci di Fedora, il nostro percorso tematico La cultura come cura vuol dire anzitutto riflettere su ciò che abbiamo visto, sentito, provato […]
chevron-downarrow-left