Roccapiemonte, città che legge

Liberamente ispirato all’opera L’impatto di un libro dell’artista messicano Jorge Mendez Blake, il logo del Patto della Lettura del Comune di Roccapiemonte sottolinea il potere della lettura e della conoscenza come concreta possibilità di cambiamento: anche una piccola variazione o una piccola anomalia possono provocare una grande reazione, come quella di rompere la perfetta struttura di un lungo muro di mattoni. I Libri sono disposti in orizzontale e verticale, lungo i quattro angoli del nostro paese, Roccapiemonte infatti ha conservato la sua tipologia romana con il cardo e il decumano. Rappresentano la metafora di una circolarità di idee, un invito al movimento, il simbolo di una azione che la lettura può conferire alle nostre menti, ai nostri spazi. Menti e spazi che si attivano. La parola PATTO messa in risalto, grande, con un font senza “grazie”. Il senso di una relazione stabile, forte, che unisce gli amanti della lettura per migliorare la nostra comunità e portare Roccapiemonte all’importante riconoscimento di Città che legge.

immagini

articoli correlati

La contromemoria dell’umano nel romanzo postmoderno

di Gaetano Fimiani Affrontare il discorso del romanzo postmoderno significa attraversare una continua tensione tra scetticismo e ansia di conoscenza,  percorrere l’orizzonte  legato alla caduta […]

Fedora: undecimo anno adveniente

di Gaetano Fimiani Nell’articolo 27 della Dichiarazione dei diritti dell’Uomo il viatico del nostro dire: Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita […]

Racconto dell’umano e dettato della macchina: i mondi possibili del romanzo (e un canone)

di Gaetano Fimiani Il Grande Romanzo Americano è un’espressione usata per descrivere un romanzo che rappresenta in modo complesso e dettagliato la società americana. Questo […]
chevron-downarrow-left