Maurizio De Giovanni – il ritorno di un amico e di un grande scrittore

Apri la locandina

APRI

Aprile, aprile.

Tutto un altro aprile, da questa parte del mondo, mentre di là dall’oceano e sotto l’equatore soffiano folate fredde e umide e si sollevano i baveri dei cappotti e non si tolgono i cappelli, e i guanti a stento mantengono tiepide le dita e si provano canzoni nuove da cantare in un caffè del centro.

Carissimi amici e soci di Fedora,

il nostro percorso tematico La cultura come cura vuol dire anzitutto riflettere su ciò che abbiamo visto, sentito, provato in questi anni, e che ci porta a pensare che tutto quello che era importante, bello e buono si è trasformato in un nebuloso ricordo.

Non potevamo allora che estrarre dal silenzio di quegli anni la voce e la penna poetica di uno degli autori che abbiamo più amato.

Lo scrittore che con il suo sorriso e il suo consueto e indiscutibile affetto per Roccapiemonte ha rappresentato per noi un compagno di cammino.

Siamo felici di annunciarvi il ritorno tra noi di Maurizio de Giovanni, che porterà tra noi, nella splendida ed innovativa location di Palazzo Pinto, una perla del centro storico di Roccapiemonte, le pagine del commissario Ricciardi.

Sabato 1° Aprile 2023

Alle ore 17: 30

Presso

PALAZZO PINTO – CORSO MARIO PAGANO, 90- ROCCAPIEMONTE

Maurizio de Giovanni

PRESENTA

Caminito

Un Aprile del commissario Ricciardi

Edizioni Einaudi

SALUTANO

CARMINE PAGANO SINDACO DI ROCCAPIEMONTE

ANNABELLA FERRENTINO ASSESSORE ALLA CULTURA

PRESENTA E MODERA

LUCA BADIALI- ASSOCIAZIONE FEDORA

IN CASO DI AVVERSITA’ ATMOSFERICHE L’EVENTO SI TERRA’ PRESSO IL CENTRO SOCIALE, VIA DELLA FRATELLANZA, 20, ROCCAPIEMONTE.

Di seguito la sinossi del libro e le notizie dell’autore

Caminito, il nuovo romanzo del maestro del giallo italiano Maurizio de Giovanni, segna il ritorno dell’amatissimo commissario Ricciardi. I lettori l’avevano incontrato l’ultima volta ne Il pianto dell’alba, uscito nel 2019, e in questi anni di assenza hanno potuto apprezzarne la trasposizione televisiva nella fiction Rai del 2021, diventata già un cult.

È il 1939, sono trascorsi cinque anni da quando l’esistenza di Ricciardi è stata improvvisamente sconvolta. E ora il vento d’odio che soffia sull’Europa rischia di spazzare via l’idea stessa di civiltà. Sull’orlo dell’abisso, l’unico punto fermo è il delitto. Fra i cespugli di un boschetto vengono ritrovati i cadaveri di due giovani, stavano facendo l’amore e qualcuno li ha brutalmente uccisi. Le ragioni dell’omicidio appaiono subito oscure; dietro il crimine si affaccia il fantasma della politica. Con l’aiuto del fidato Maione – in ansia per una questione di famiglia – Ricciardi dovrà a un tempo risolvere il caso e proteggere un caro amico che per amore della libertà rischia grosso. Intanto la figlia Marta cresce: ormai, per il commissario, è giunto il momento di scoprire se ha ereditato la sua dannazione, quella di vedere e sentire i morti.

«Caminito è più di un giallo. È un romanzo ricco di sorprese, trova energia nella profondità dell’anima letteraria dello scrittore napoletano. Un ritorno che danza in tre quarti, il tempo perfetto della musica nell’era classica. Le trame si intrecciano con ritmo impeccabile, per raccontare le pene e le speranze, sino a quando tutti i fili si ricompongono e cala il sipario».
Marco Zatterin, «tuttolibri – La Stampa»

«…Già da questi brevi accenni di trama si capisce che quello dell’indagine poliziesca è solo uno dei sentieri percorsi del romanzo. Le storie di Ricciardi non sono mai state solo casi da risolvere, ma un mondo dove tutto si muove assieme. E in questo romanzo del ritorno dell’amato commissario la dimensione corale è ancora più marcata. E proprio vero, non occorre chiedere il permesso per entrare nell’ufficio di Ricciardi. Neppure per sentirsi di casa tra storie e personaggi di de Giovanni».
Severino Colombo, «Corriere della Sera»

«Caminito è romanzo giallo, politico e d’amore, intriso della consueta umanità che De Giovanni sa infondere nei suoi personaggi, anche quelli “cattivi” come il capo della polizia politica di Napoli. La bella Livia, poi. Che dall’altra parte del mondo, canta il suo dolore con un tango. Caminito, appunto».
Fabrizio d’Esposito, «il Fatto Quotidiano»

«Se da un lato il registro dominante di questo anomalo poliziesco è quello della rilettura storica degli anni del fascismo, più intensamente degli altri romanzi della serie qui la scrittura di De Giovanni vibra di echi e di richiami alle memorie del passato, al tempo perduto, all’amore inespresso, al fluire della vita che trascorre e svanisce lasciandoci solo il suo senso inesplicabile. È il tempo, che unisce e separa, a rendere assurda e insensata ogni vicenda personale. A Ricciardi e alla sua sposa, così come ai due giovani uccisi nell’attimo in cui si giuravano amore eterno, è stata sottratta la felicità dopo averla promessa».
Santa Di Salvo, «Il Mattino»

«Romanzo che conferma quanto de Giovanni ami il suo personaggio al punto da sentirne palpitare cuore, pensieri, mille dubbi: per questo lo riconsegna ai suoi lettori più vivo che mai, più adulto, maturo, disilluso, non fermo nel tempo e identico a sé stesso mentre attorno accadono e continuano a verificarsi senza soluzione di continuità omicidi che solo lui, con il celebre dono del “Fatto” – ascoltare la voce dei morti assassinati negli ultimi istanti di vita – potrebbe risolvere».
Pier Luigi Razzano, «la Repubblica – Napoli» 

«Quello che sembra importare sempre di più a de Giovanni è l’analisi e l’introspezione dei personaggi, delle loro storie, delle loro passioni. E se l’autore napoletano si conferma un appassionato tessitore di trame, anche la parte più “intima” del racconto gli è congeniale. Intanto, le ultime pagine lasciano aperta la strada: Ricciardi è tornato e non è affatto intenzionato ad abbandonare i suoi lettori».
Mirella Armiero, «Corriere del Mezzogiorno»

Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del doloreLa condanna del sangueIl posto di ognunoIl giorno dei mortiPer mano miaVipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuoreAnime di vetroSerenata senza nomeRondini d’invernoIl purgatorio dell’angelo e Il pianto dell’alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero). Dopo Il metodo del Coccodrillo (Mondadori 2012; Einaudi Stile Libero 2016; Premio Scerbanenco), con I Bastardi di Pizzofalcone (2013) ha dato inizio a un nuovo ciclo contemporaneo (sempre pubblicato da Einaudi Stile Libero e diventato una serie Tv per Rai 1), continuato con BuioGeloCuccioliPaneSouvenirVuotoNozzeFiori, e Angeli, che segue le vicende di una squadra investigativa partenopea. Ha partecipato, con Giancarlo De Cataldo, Diego De Silva e Carlo Lucarelli, all’antologia Giochi criminali (2014). Per Rizzoli sono usciti Il resto della settimana (2015), I Guardiani (2017), Sara al tramonto (2018), Le parole di Sara (2019) e Una lettera per Sara (2020); per Sellerio, Dodici rose a Settembre (2019); per Solferino, Il concerto dei destini fragili (2020). Con Cristina Cassar Scalia e Giancarlo De Cataldo ha scritto il romanzo a sei mani Tre passi per un delitto (Einaudi Stile Libero 2020). Sempre per Einaudi Stile Libero, ha pubblicato della serie di Mina Settembre Troppo freddo per Settembre (2020) e Una Sirena a Settembe (2021). I libri di Maurizio de Giovanni sono tradotti in tutto il mondo. Molto legato alla squadra di calcio della sua città, di cui è visceralmente tifoso, De Giovanni è anche autore di opere teatrali.

articoli correlati

Fedora presenta Matteo Nucci- Profilo d’autore

Matteo Nucci, classe 1970, è scrittore e saggista. Esperto di pensiero antico, ha pubblicato saggi su Empedocle, Socrate e, in particolare, Platone, di cui ha […]

Beatrice Salvioni – La malnata

Carissimi amici di Fedora, L’ultimo incontro del 2023, insieme al profumo del Natale, ci regala un evento davvero unico, che vi invito fin d’ora a […]

Gianni Solla – Il ladro di quaderni

Carissimi amici e soci di Fedora,in epigrafe il motivo che accompagnerà gli incontri di quest’anno 2023/24. Un manifesto, una testimonianza di coraggio, una richiesta di […]
chevron-downarrow-left